Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

“I ragazzi del ’43” presto al Ruggero Settimo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

“I ragazzi del ’43” presto al Ruggero Settimo

La Regione Siciliana, nell’ambito delle attività legate all’Educazione Permanente, ha finanziato un progetto del liceo Classico, Linguistico, Coreutico “R. Settimo” in rete con l’Istituto Comprensivo “A. Caponnetto”, che si propone di far vivere agli studenti un’esperienza che certamente li aiuterà a crescere: conoscere ed intervistare coloro che il 10 luglio del ’43, quando la città di Caltanissetta fu bombardata dagli Alleati, si trovavano sotto le bombe.

Un pomeriggio al Ruggero Settimo

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Un pomeriggio al Ruggero Settimo 

Il Liceo Classico, Linguistico e Coreutico “R. Settimo” invita gli studenti della scuola secondaria di I grado e i loro genitori a visitare i propri spazi sabato 28 gennaio dalle ore 16:30 alle ore 18:30. 

Partecip@rte: al R. Settimo un progetto per le consulte giovanili

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Partecip@rte: al R. Settimo un progetto per le consulte giovanili

Si è tenuto il 18 gennaio 2017 presso il Liceo Classico, Linguistico e Coreutico “R. Settimo” il primo incontro del progetto “Partecip@rte”, per la promozione della partecipazione studentesca attraverso le consulte provinciali studentesche di tutta la Regione Sicilia, progetto che ha come obiettivo quello di dare vigore e senso ai compiti propri della Consulta

Lezione al Coreutico

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Lezione al Coreutico

   

Entrare in quel luogo, che ti ha visto crescere e  maturare, da una prospettiva differente,ti fa rendere conto ed acquisire una maggiore consapevolezza, di quanto la formazione didattica sia fondamentale per l'acquisizione di un linguaggio fruibile al proprio interlocutore.